Dr. Rosanna Bossone

Laureata in Sociologia dell’Arte e Letteratura all’Università di Napoli, Federico II. Studi di Psicologia, Antropologia culturale, Storia del Cinema e del Teatro. Esperienze di lavoro con gruppi teatrali, cinema e fotografia etnologica.

Trasferimento in Germania. Insegnamento presso le Università di Amburgo e Lüneburg, Istituto Italiano di Cultura e Università Popolare.

Autrice di libri di cucina (A Tavola, Original Neapolitanische Küche)
Ideazione e conduzione di programmi sulla cucina italiana alla Radio tedesca.
Critica gastronomica per riviste.
Conduzioni di seminari su „Cibo e Gusto“.
Corsi di Cucina e workshops per diverse istituzioni.
Summer Academy alla St.Martin School di Londra sul Film Documentario.

La sua passione per i viaggi l’ha condotta in molti paesi attorno al Globo.
Rosanna ha vissuto in Africa e negli Emirati Arabi, dove accanto alla sua passione per l’arte ha condotto ricerche sulla cucina etnica.

La dr. Rosanna Bossone ha studiato come Health Coach di Nutrizione Olistica presso L’Institute for Integrative Nutrition di New York City, USA.

È membro della International Association for Health Coach – IAHC –USA

Rosanna vive e lavora come Health Coach tra l’Italia e la Germania.


_________

„ il mio primo incontro con il gusto, in base ai miei ricordi, è stato con un pomodoro. 
Piccolo, di quelli che dalle nostre parti si raggruppano in mazzi e si appendono al muro. Ogni balcone e terrazzo viene spesso decorato con un „ piennolo ” un mazzo di pomodori piccoli chiamati elegantemente Pomodorini del Pendolo, quelli che crescono anche alle falde del Vesuvio. 
Forse avevo un anno, era pomeriggio, avevo dormito e sonnecchiavo ancora in braccio a mia nonna fuori al terrazzo, mentre lei, seduta, parlava con mia zia. Avevo la testa appoggiata alla sua spalla e potevo vedere il muro davanti a me. 
Un ricordo confuso di palline rosse, così vicine che allungai la manina, ne tirai una e la misi in bocca. I semi del pomodorino erano attorno alla mia bocca e io, inconsapevolmente, avevo trovato un modo per rinfrescare le mie gengive. 
Quando si accorsero di cosa avevo mangiato, si allarmarono e si affrettarono a farmelo sputare, ma solo perchè impolverato. In seguito ho sentito raccontare questa storia molte volte. 
Forse è per questo che la mia merenda preferita resta ancora oggi una fetta di pane con il pomodoro.”


Ultime novità